Marscache! Geocache su Marte

Come pubblicare geocache nello Spazio e su Marte.

Come pubblicare geocache nello Spazio e su Marte.

Il 6 Novembre 2013 un Travel Bug è partito per la Stazione Spaziale Internazionale (ISS), portando il geocaching nello spazio ancora una volta. Sebbene sulla ISS non sia veramente presente né un contenitore né un logbook, né tantomeno è possibile registrare le sue coordinate in quanto continuamente in movimento, Groundspeak ha creato un’eccezione nelle linee guida di geocaching.com riguardo ai tesori nello spazio e sugli altri pianeti. In particolare, esse citano “Sono ammessi cache nello spazio, su altri pianeti e astronavi. Abbiamo pubblicato e continueremo a pubblicare listing di cache nello spazio, come nella Stazione Internazionale ISS o su Marte”.

Virtualmente, questo significa che è possibile nascondere una cache su qualsiasi corpo celeste, a patto di rispettare le linee guida (nonostante la cache sulla ISS ne violi molte, ma per le stesse linee guida “non esiste alcun precedente per il posizionamento di geocache”). A questo punto ho deciso di leggere le linee guida con attenzione, scoprendo che è teoricamente possibile nascondere regolarmente geocache su altri pianeti!

Nel mio caso, ho scelto Marte. Studio Marte per lavoro e sono abbastanza familiare da poter ideare un geocache adeguato. Ho deciso di nascondere una geocache a Deuteronilus Mensae, poiché le coordinate nella zona ovest ricadono in territorio italiano se la posizione è assunta sulla Terra. Va infatti ricordato che geocaching.com non supporta sistemi di riferimento extraterrestri per il posizionamento delle geocache (ad esempio il datum geografico Mars2000, l’equivalente marziano di WGS84). Come nel caso della ISS, occorre stabilire una posizione sulla Terra e io ho scelto una località italiana.

geocaching su marteL'autore riposa su Marte accanto al masso tabulare della geocache

La parte generale sul posizionamento è rispettata alla lettera.

  1. Vengono rispettate tutte le leggi sul territorio.
  2. E’ garantito l’accesso a Marte (anzi, invitano ad andarci!).
  3. La geocache non è sotterrata.
  4. La geocache non danneggia alcuna proprietà.
  5. La geocache non danneggia flora e fauna (non esistono su Marte, per il momento).
  6. La geocache non è nascosta in una zona ad accesso limitato.
  7. L’unico elemento fisico della mia geocache è a decine di milioni di km dalla cache più vicina.
  8. Sono ammesse geocache su Marte e continueranno a pubblicarne.
  9. Il luogo e il contenitore sono appropriati.
  10. La cache è totalmente trasparente, non crea confusione.

Poi viene la parte sul listing.

  1. Requisiti tecnici
    • La geocache contiene coordinate precise, anche se non sono ottenute con un GPS, ma mediante triangolazione dei satelliti in orbita intorno a Marte (Mars Odyssey, Mars Express, Mars Reconnaissance Orbiter, MAVEN, MOM, TGO Trace Gas Orbiter).
    • Il listing riporterà la necessità di dispositivi specifici, sia per iscritto che negli attributi.
    • Il listing non richiede registrazioni ad altri siti web o altro.
  2. Manutenzione
    • Sono responsabile del controllo del mio listing.
    • Sono responsabile di visitare fisicamente il luogo nel caso in cui la geocache abbia dei problemi. Fornisco inoltre un piano di manutenzione accettabile: la geocache non avrà bisogno di manutenzione salvo caduta di meteoriti su di esso. In ogni caso, istituisco un gruppo di manutentori locali: i mimimmi introdotti dal film Fascisti su Marte.
  3. Contenuti delle geocache
    • Il contentitore, constituito alla base dal suolo marziano e dall’atmosfera sugli altri lati, contiene un robusto e resistente logbook: un masso di forma tabulare.
    • Il contenuto è adatto alle famiglie.
    • Il contenuto è adatto alla vita all’aria aperta (anche se, per ora, non c’è vita su Marte).
  4. Promozione e contenuto commerciale
    • La geocache non sollecita.
    • La geocache non è commerciale.
  5. Permanenza dei geocache
    • La geocache è nascosta per un periodo estremamente lungo, nell’ordine di grandezza dei milioni di anni.
  6. Invia un listing
    • Non ci saranno molte geocache da pubblicare.
    • La geocache è già in posizione.
    • Farò due chiacchere col mio reviewer.

Fine!

La cache rispetta le linee guida e non esiste alcuna controversia. Anzi, pare che Groundspeak inviti alla pubblicazione di cache su altri pianeti! Appare subito chiaro, però, che non viene fornito il supporto necessario. Manca un campo per indicare il pianeta su cui è nascosto il tesoro, manca un sistema di riferimento per coordinate diverse da quelle terrestri e mancano anche delle linee guida per la tutela di forme di vita diverse da quelle terrestri (i mimimmi non sono né flora né fauna).

Speriamo che Groundspeak corregga velocemente queste mancanze!

Il presente articolo è scritto da Stefano Nerozzi, alias Il Boss, ed è stato precedentemente pubblicato sul sito www.geocachig-italia.com. Purtroppo il testo sul sito originale è andato perso nei meandri della rete e noi, come per un Needs Unarchived, lo abbiamo riportato in vita.

Facebook Twitter Google+ Pinterest
Last modification: Lun 4 Set 2017
×

Log in

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione, nostri e di terze parti, per effettuare statistiche, collegamenti a social e definizione della posizione geografica come spiegato nella Privacy Policy. Cliccando su Accetto o chiudendo questo banner presti il consenso all'uso di tutti i cookie.